Noi, della “Congregazione delle suore Francescane di Cristo Re di Venezia“, abbiamo come motto “Adoriamo Cristo Re” e “Venga il tuo Regno: un Regno che non ha frontiere, un Regno dinamico e aperto ai segni dei tempi, attento alle realtà che più ci interrogano.

Questo compromesso con il Regno, ci pone tra i fratelli come un dono, in un servizio umile, gioioso, attento e fraterno.Come “piccolo gregge” ci sentiamo nelle mani di Dio che dispone di noi e ci invia ai fratelli più poveri e bisognosi.

Nato in Italia, a Venezia, nel lontano 1459, l’Istituto e’ sopravvissuto a 2 soppressioni e dal 1916 si è diffuso in varie regioni italiane con l’impegno della diffusione del Regno attraverso attività nelle scuole, ospedali, case per anziani, servizio pastorale nelle parrocchie.

Attualmente si contano 26 fraternità.Le suore sono presenti anche in:

  • Brasile dal 1963
  • Guinea Bissau (Africa Occidentale) dal 1985
  • Albania dal 1996
Brasile

missioni-Brasile
Le suore nella fratenità Brasiliana

All’invito di Papa Giovanni XXIII, che chiedeva di inviare missionari in America Latina, soprattutto in Brasile, per collaborare con la Chiesa Latino-Americana alla promozione integrale della persona e per la Evangelizzazione di un popolo che stava crescendo e passava un momento difficile,la nostra Congregazione, pur nella sua piccolezza, accolse e accettò la nuova proposta con l’obiettivo di “Testimoniare il Regno di Cristo Gesù, servire i più poveri e umili, risvegliare nuove vocazioni”.

Le suore giunsero il 3 maggio 1963. Fin dall’inizio la loro missione-servizio si è svolta nelle periferie delle città e tra i più poveri con l’obiettivo dell’Evangelizzazione e della promozione umana integrale.

Con lo sguardo rivolto alla persona nella sua dignità, le suore si dedicarono e si dedicano al servizio sanitario; promozione e valorizzazione della donna in varie attività; supporto e accompagnamento delle famiglie, che sono la base della società, con attenzione ai bambini, ai ragazzi e adolescenti.

Siamo presenti in 8 fraternità:

  • 2 in Santa Catarina ( Campo Erê e Dionísio Cerqueira)
  • 4 in São Paulo ( Rio Grande da Serra – Villa Conde – Garça e Santa Isabel )
  • 1 in Mato Grosso (Cocalinho)
  • 1 in Bahia (Nova Redenção)

Guinea Bissau

missioni-Guinea
Le suore incontrano la comunità

Per la forza del Carisma in noi, l’ansia missionaria è stata presente fin dall’inizio dell’espansione della nostra Famiglia Religiosa e, rispondendo all’invito di Padre Leonardo Maria Bello, Ministro Generale OFM, nel 1938 le prime missionarie partono per Dessiè (Samara) in Africa Orientale.

La II Guerra Mondiale stronca questa presenza nel 1942. Le Suore ritornano in Patria, ma nel cuore della Congregazione si conserva il forte desiderio del ritorno. L’occasione viene offerta dall’invito di Mons. Settimio Ferrazzetta, vescovo di Bissau, Africa Occidentale. La Congregazione risponde con entusiasmo: si ritorna in Africa! Le prime suore giungono nell’agosto del 1985.

L’obiettivo è camminare con il popolo a cui sono inviate, condividendo gioie, sofferenze, essere presenza amica e solidale, annunciando loro la Buona Notizia: Gesù che salva, libera, promuove, consola e rinvigorisce la speranza. Tutto il servizio guarda all’evangelizzazione e alla promozione della persona, aspetti che camminano e crescono di pari passo:

  • Annuncio dalla Buona Novella di Gesù Cristo
  • Servizio sanitario con attenzione particolare alle mamme e ai bambini
  • Attenzione e accompagnamento della donna nelle varie età

Lungo gli anni questi servizi si sono approfonditi e sviluppati suscitando in alcune giovani il desiderio di mettersi al servizio dei loro fratelli.

Siamo presenti in tre fraternità:

  • Bedanda, nel Sud del Paese
  • Bra’ alla periferia di Bissau, la capitale
  • Brene, a circa 10 Km da Bra’, casa di formazione per giovani che desiderano vivere il nostro Carisma.

Durante questi anni, proprio per le varie difficoltà di questo Paese africano, molti laici si son resi presenti con il loro servizio di Volontariato supportando e collaborando nello sviluppo delle missioni.

Albania

missioni-Albania
Le suore al servizio della comunità

Nel 1991, crollato il regime comunista, l’Albania diventa una Nazione libera: libera anche di professare la sua fede. Giovanni Paolo II nel 1993 consacra i primi 4 Vescovi.
Mons. Robert Astha, frate francescano sopravvissuto alle persecuzioni, e i Frati Minori, nella persona di Padre Flavio Cavallini, invita la nostra Famiglia Religiosa ad essere presente in questo grande campo di evangelizzazione.La chiusura dell’Albania a causa del regime comunista, durata oltre 40 anni, creò una situazione di abbandono, di isolamento a tutti i livelli, annichilendo la persona umana. Chiamate in questa realtà, nell’agosto del 1995 ha inizio la presenza delle suore tra le persone più povere ed abbandonate in una zona lontana, montuosa e difficile da raggiungere (Kir).

Questa presenza di dono, di gratuità e di servizio, che raggiungeva le famiglie disperse tra le montagne, risvegliò la dignità e in alcune giovani il desiderio di mettersi al servizio del loro popolo.

Siamo presenti a:

  • Scutari
  • Trush
  • Kir (periodicamente in quanto ormai zona spopolata)

Serviamo nell’evangelizzazione e promozione umana attraverso La catechesi, la pastorale nelle comunità cristiane, e l’ attenzione ai bambini, ragazzi, giovani e famiglie.