947213_541360682574257_2112715077_n

È finito in dramma il viaggio di un gruppo di religiose delle Suore Adoratrici del Sangue di Cristo, dirette a una ordinazione sacerdotale di un missionario del Preziosissimo Sangue in Guinea Bissau. Il mezzo che le trasportava ha avuto un incidente nei pressi di Bula e due missionarie italiane, Suor Romana Sacchetti e Suor Esperia Sullis, hanno perso la vita, mentre suor Jeanne Olabi Chantal Fadegnom, originaria del Benin, che era alla guida del veicolo, versa in gravi condizioni. Salve invece le ragazze della comunità vocazionale che si trovavano con loro.

Dall’associazione della cittadina pontina il messaggio di cordoglio per Romana ed Esperia:«Con loro abbiamo condiviso momenti meravigliosi in terra di missione e grandi progetti per un futuro più vivibile per tutti. Esperia e Romana hanno sempre messo la propria vita al servizio dei più poveri, e con rispetto e amore li hanno fatti sentire al centro del mondo… Angeli sulla terra ed ora angeli nel cielo». «Una triste notizia quella della morte delle due religiose legate alla nostra provincia per le origini e per l’impegno sul territorio e in particolare con Cisterna grazie al filo creato dall’Associazione «Oltre i confini» fra l’Italia e i villaggi africani. Suor Romana Sacchetti e Suor Esperia Sulis ci hanno lasciato, nel pieno del servizio missionario. La loro grande testimonianza di fede farà restare un segno indelebile nei cuori di tutti noi che le abbiamo conosciute, per il lavoro umile e quotidiano nel voler costruire la pace».

Insieme a loro Ricordiamo i volontari di tutta Italia che con il loro grande amore per il prossimo, si prodigano per rendere migliore la vita, in Guinea Bissau e in tanti paesi dell’Africa,  a chi è stato meno fortunato, un grazie di cuore e a nome di tutta l’associazione “Cercu Iabri”, esprimiamo la nostra solidarietà e la vicinanza a tutti coloro,  laici e religiosi, che lavorano e s’impegnano per rendere la vita di tanti, meravigliosa…GRAZIE

Insieme e uniti per un unico scopo, ci rende forti

Comitato “Cercu Iabri onlus”