15541939_374072096280286_9180579419490384273_n

 

Carissimi amici benefattori,

a voi tutti giungano i nostri fraterni e riconoscenti auguri per le prossime feste natalizie.

Meditare il grande Mistero dell’Incarnazione: il Signore Gesù che si fa Bambino per essere più vicino a noi, renda il nostro cuore sempre più sensibile e attento verso i fratelli che si trovano nel bisogno.  Come i pastori all’invito degli Angeli sono andati in fretta per vedere il “BAMBINO”, così anche voi, con sollecitudine avete pensato a tanti bambini e altre persone in necessità.

GRAZIE per la vostra stupenda e sollecita generosità in favore delle necessità delle nostre missioni quì in Guinea Bissau.

La situazione quì in Guinea Bissau, apparentemente calma, è in realtà una miccia che può esplodere da un momento all’altro. Stiamo vivendo un ennesima crisi politica: coloro che sono al governo non pensano al bene della gente; le beghe dentro i Partiti, tra i partiti, con il Presidente, che abbatte un governo dopo l’altro ( siamo al quarto governo in un anno) non si preoccupano della salute, della scuola, delle cose di prima necessità……Il popolo sta lottando e soffrendo, è stanco di tante promesse inadempiute, vive nella paura..

Da ieri, 13 dicembre 2016, abbiamo un Nuovo Governo : quanto durerà? Continuano le tensioni tra partiti…c’è un malessere diffuso.

Pensate che la Scuola statale è cominciata solo il 28 novembre 2016; fino ad alcuni giorni fa gli ospedali non avevano reagenti per fare le più semplici analisi; i bambini che chiedono l’elemosina per la strada e quelli che vanno a frugare nelle immondizie aumentano sempre più; le donne inventano sempre nuove strategie per riuscire a raccimolare qualcosa per poter mangiare…..

Noi continuiamo il nostro servizio  nel Centro di Recupero Nutrizionale, con bambini che hanno bisogno di raggiungere un peso dentro la norma e conservarlo; nell’Ambulatorio, sempre più affollato perchè le persone sono accolte, ascoltate, trovano le medicine a un prezzo ragionevole; nella Scuola dell’infazia ( 110 bambini) dove il bambino riceve attenzioni e li si prepara alla scuola primaria esigendo la collaborazione diretta delle famiglie…..nell’accoglienza e ascolto di chi viene alla porta…collaboriamo in parrocchia appoggiando i vari gruppi, offrendo incontri e formazione…catechesi e promozione umana nel villaggio di Brene.

I bambini, gli adolescenti e i giovani, che sostenete a distanza per la scuola, stanno bene e in genere si impegnano; quasi tutti frequentano scuole private per avere la sicurezza dello studio.

Un altro impegno non indifferente è la presenza delle giovani in mezzo a noi che desiderano abbracciare la vita religiosa: come in una famiglia si pensa al futuro dei figli, anche noi pensiamo al futuro della nostra presenza qui in Guinea. Attualmente abbiamo due suore giovani che stanno studiando infermiera e sono al II anno, altre due sono una in Italia e una in Brasile per studio e formazione; a Brene ci sono due Novizie, e quì a Brà  quattro aspiranti, una ha finito il liceo e tre stanno frequentando l’ultimo anno….

Come vedete il lavoro e gli impegni non mancano. Continuiamo con fiducia e ringraziamo il Signore per tutti coloro che direttamente o indirettamente collaborano con noi.

A voi che da tanti anni ci seguite, ci aiutate , ci sostenete con la preghiera  auguriamo che il Signore  incontri la porta del vostro cuore e delle vostre famiglie aperta perchè continui a nascere e incontri accoglienza e disponibilità.

Auguriamo il  nuovo anno 2017 benedetto dal Signore con il dono della salute, della pace in famiglia. Assicuriamo la nostra preghiera, in particolare per gli anziani e ammalati delle vostre famiglie.

Con stima e riconoscenza

Le Suore Francescane di Cristo Re in Guinea Bissau:                                                                    sr.Ernestina, sr. Maria, sr.Rina, sr.Marisa, sr.Gessi, sr. Patrizia, sr.Eva, sr.Welly, sr. Maria Pia.

                          Le Novizie: sr. Winsam,  sr. Djonssinca.